LA “QUESTIONE MORALE” ANCORA AL CENTRO DEL PROBLEMA ITALIANO…

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LA “QUESTIONE MORALE” ANCORA AL CENTRO DEL PROBLEMA ITALIANO…

Messaggio  GASPARE SERRA il Mar Feb 09, 2010 6:26 pm

IL “CONSENSO ELETTORALE” PUO’ ESSERE UTILIZZATO COME “PURGA” DI OGNI COLPA?...


L’OPINIONE DI PAOLO BORSELLINO SUL RAPPORTO TRA POLITICA E MAGISTRATURA:

“C’è un equivoco di fondo.
Si dice che il politico che ha avuto frequentazioni mafiose, se non viene giudicato colpevole dalla magistratura, è un uomo onesto.
No!
La magistratura può fare solo accertamenti di carattere giudiziale.
Le istituzioni, invece, hanno il dovere di estromettere gli uomini politici vicini alla mafia, per essere oneste e apparire tali!”

(Paolo Borsellino)


UNA RIFLESSIONE SUL RAPPORTO TRA MORALITA’ PUBBLICA E POTERE:

Quella sopra richiamata è un’opinione:
- chiara ed “inequivocabile”
- autorevole (data la fonte)
- e personalmente pienamente (e “convintamente”) condivisa!

Oggi si ha la tendenza a sovraccaricare la Magistratura di compiti e responsabilità non proprie…
Occorrerebbe, invece, ribadire con forza che:
- alla Magistratura compete solo un “giudizio penale” (in ordine l’accertamento di fatti di reato)
- mentre alla politica dovrebbe spettare un autonomo e trasparente “giudizio morale” sulla condotta della classe dirigente (dalla stessa selezionata, ancor più in virtù dell’attuale sistema elettorale per quanto attiene i parlamentari!).

Posizioni del genere si tacciano normalmente di “inutile moralismo” o “datato "giustizialismo”…
Quanto di più sbagliato, a mio avviso!
Si tratta, semmai, di semplice “garantismo” rivendicato a tutela dei cittadini (detentori originari della sovranità), che hanno diritto a veder affidata l’amministrazione della “Cosa Pubblica” a personalità (politici ed autorità di Stato) di indiscusso valore ed “integrità morale”!

Certamente chi fa politica o gestisce le finanze pubbliche:
- non può essere solo un “brav’uomo”, una persona onesta e corretta (in grado di valutare l’“opportunità” delle proprie azioni)
- bensì deve essere anche una persona capace, competente, d’esperienza...
Credete forse che in Italia (tra circa 50 milioni di cittadini eleggibili) sia davvero impossibile o terribilmente arduo individuare persone disponibili a mettersi al servizio della Collettività e, allo stesso tempo, in grado di fornire adeguate garanzie e di professionalità e di rettitudine?!

La “moralità” (pubblica e privata) di chi rappresenta il Popolo (e, in sua veste, ne esercita la sovranità) resta sempre e comunque una qualità, una dote “irrinunciabile” per chiunque eserciti funzioni pubbliche!
Il semplice “consenso elettorale” (cui spesso ci si aggrappa come “purga delle proprie colpe” o forma di “immunità”!), invece, non può mai, da solo, cancellare:
- i “misfatti” (pubblici e/o privati)
- o le “ambigue frequentazioni” di un personaggio politico!

L’ARTICOLO SEGUE SU:
http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/LA-QUESTIONE-MORALE-ANCORA-AL-CENTRO-DEL-PROBLEMA-ITALIANO-b1-p238.htm


Gaspare Serra

Blog “Spazio Libero”:
http://spaziolibero.blogattivo.com

Gruppo facebook “Riformiamo lo Stato, rinnoviamo la Politica, ravviviamo la Democrazia”:
http://www.facebook.com/group.php?sid=26b6b239cae5fe7f39ade08ff9eef8db&gid=62981451472
avatar
GASPARE SERRA

Numero di messaggi : 22
Data d'iscrizione : 16.05.09
Età : 33
Località : Partinico (PA)

Vedi il profilo dell'utente http://gaspareserra.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

UN TIPICO ESEMPIO DI MALCOSTUME ITALIANO…

Messaggio  GASPARE SERRA il Mer Feb 10, 2010 10:50 am

MARCELLO DELL’UTRI (co-fondatore di Forza Italia e fedele consigliere di Silvio Berlusconi) ha seguito pedissequamente le alternate fortune politiche del Cavaliere fin dal primo momento della sua “scesa in campo”…

Nel frattempo, però, è intervenuta a suo carico una condanna in I grado:
- a ben "9 anni e 4 mesi"
- per "concorso esterno in associazione di tipo mafioso"!

Ma ad un giornalista che gli chiese se non fosse il caso di “farsi da parte” (per ragioni di opportunità politica o, per lo meno, per salvaguardare la stessa immagine del Premier e del suo partito), l’on. Dell’Utri non ha avuto timore alcuno nel rispondere:
<<Ma lei sta scherzando?
Forza Italia ho contribuito a costruirla, e sono orgoglioso di averlo fatto [...].
Perché devo farmi da parte?
IO SONO ENTRATO IN PARLAMENTO PER DIFENDERMI!>>.

Almeno l’onesta intellettuale va senza dubbio riconosciuta all’on Dell’Utri… un pò meno il “pudore”!

Il messaggio “pericoloso ed eversivo” che le vicende personali di SILVIO BERLUSCONI e dei suoi più stretti alleati (non solo Dell’Utri ma anche PREVITI, COSENTINO...) mandano al Paese è che oggi:
- non si va più in Parlamento per legiferare nell’interesse pubblico
- bensì per "salvarsi la pellaccia"!
Una volta i delinquenti si mettevano agli arresti domiciliari: adesso li si mette agli "arresti parlamentari" (per venire poi assolti in Appello, caso mai, direttamente a "Porta a Porta"!).
Si entra in Parlamento, in pratica, così come un ricercato entra in chiesa: per nascondersi ed invocare asilo politico!

Il primo e più famoso perseguitato politico della nostra storia repubblicana, comunque, resta BETTINO CRAXI, “profugo” ad Hammamet…
Proprio in queste settimane, tra le altre cose, è ricorso il decennale della sua morte, trasformatosi in un’occasione propizia per celebrarne la pubblica "beatificazione"!

Se questi sono i modelli positivi migliori che la politica è in grado di riconoscere dinanzi agli Italiani tutto, in fondo, non fa una grinfia: è questo il livello massimo cui può ambire la nostra politica!
avatar
GASPARE SERRA

Numero di messaggi : 22
Data d'iscrizione : 16.05.09
Età : 33
Località : Partinico (PA)

Vedi il profilo dell'utente http://gaspareserra.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum